Ángel D’Agostino si presenta

Tag

,

Angel Vargas canta D'Agostino baila

Le parole di un grande porteño, questo fu Ángel D’Agostino, interprete nella vita e nella musica dello spirito sensibile e nostalgico di Buenos Aires, descrivono con chiarezza e coerenza il suo ideale milonguero che trasmise in ogni brano che interpretò, guadagnandosi il rispetto e l’ammirazione di generazioni di tangueri. Seguendolo attraverso le sue dichiarazioni, è facile avere un quadro della personalità e dei pensieri che il maestro ebbe sul tango, la vita e la sua città natale. Continua a leggere

Annunci

Ángel D’Agostino – Lo stile

Tag

,

CMS_1292517922545_dagostino_vargas-320x215

Il milonguero Ángel D’Agostino non ebbe il riconoscimento musicale come le orchestre di Aníbal Troilo, Osvaldo Fresedo o Carlos Di Sarli, né generò un fenomeno popolare come fece Juan D’Arienzo, eppure le generazioni di ballerini e musicisti, dal 1940 in poi, non smisero mai di rispettarlo ed ammirarlo per il contributo che la sua orchestra diede al tango della Epoca de Oro. Un apporto che si potrebbe sintetizzare con una frase: la magia del tango attraverso la semplicità ed il buon gusto. Continua a leggere

Ángel D’Agostino – Discografia

Tag

,

tres-esquinas

L’Orquesta Típica Ángel D’Agostino partecipò a rendere indimenticabile il periodo della Epoca de Oro per il tango, sviluppando la propria produzione discografia, con continuità, dal 13 novembre 1940 (No aflojés e Muchacho) al 10 giugno 1947, procedendo poi con alcuni intervalli fino al 20 maggio 1963, data dell’ultimo 78 giri con i tanghi Mi chiquita e Yo te canto Buenos Aires. Salvo una parentesi di 4 brani per l’etichetta SVELT, D’Agostino si legò unicamente alla RCA Victor, registrando un totale di 143 temi. Continua a leggere

Ángel D’Agostino – Biografia

Tag

,

dagostino_hat

Pianista, compositore e direttore, Ángel Domingo Emilio D’Agostino nacque il 25 maggio 1900 a Buenos Aires, nella calle Moreno tra Virrey Ceballos y Solís, al civico 1626. Il contesto familiare nel quale visse fin da bambino fu sempre devoto alla musica; il padre e gli zii erano dei musicisti, anche se non professionisti, ed il pianoforte in casa loro non smetteva mai di suonare. Altri personaggi del tango del primo Novecento frequentarono la casa dei D’Agostino, come Manuel Arótzegui e Adolfo Bevilacqua, suonando il tango Independencia anni prima della pubblicazione avvenuta nel 1910. Ángel inizò l’avvicinamento al pianoforte a 6 anni e già dopo due anni di lezioni private potè avvalersi di un discreto repertorio di musica classica. Continua a leggere

Roberto Firpo si presenta

Tag

,

CMS_1255216932572_ROBERTO_FIRPO_(PIANISTA)

Il ruolo che Roberto Firpo ebbe all’interno del movimento evoluzionista del tango lo portò ad essere uno dei riferimenti assoluti agli inizi del secolo scorso. Questa centralità della figura di Firpo è testimoniata dai tanti personaggi che il maestro frequentò, con i quali ebbe rapporti di collaborazione, farciti anche da aneddoti simpatici. Parliamo di icone del tango, dal duo Carlos Gardel-José Razzano, a Gerardo Hernán Matos Rodríguez, da Francisco Canaro a Tito Roccatagliata o Juan Deambrogio Bachicha, tanto per fare alcuni nomi. Continua a leggere

Roberto Firpo – Lo stile

Tag

,

firpo_record

La produzione musicale di Roberto Firpo fu una delle colonne portanti della Guardia vieja e le sue intuizioni stilistiche segnarono la storia del tango argentino dagli inizi del Novecento. Il contributo più significativo fu, senza dubbio, la diffusione del pianoforte come elemento inseparabile dell’Orquesta Típica; di sicuro Firpo non fu l’unico in questo, ma investigare chi, per primo, ebbe l’intuizione di inserire il pianoforte è un argomento che non troverà mai una risposta definitiva, essendo il tango una creazione musicale collettiva dove spesso si osserva una convergenza di intuizioni ad opera di più musicisti. Continua a leggere

Roberto Firpo – Discografia

Tag

,

02480002706106-1._tistandard_.300x300

La produzione discografica di Roberto Firpo fu davvero immensa, comparabile solo a quella di Francisco Canaro per numero di incisioni, in un periodo compreso tra il 1912 ed il 1959. Tra le registrazioni acustiche e quelle elettriche si stimano circa 3000 temi, la maggior parte eseguite per la Odeón. Tuttavia, è molto probabile che molti altri brani non siano mai stati riportati su disco; questo rende l’opera di Firpo ancora più imponente e lo colloca tra i padri fondatori delle fortune discografiche della famosa Odeón, insieme agli altri pilastri rappresentati da Francisco Canaro e Carlos Gardel. Continua a leggere

Roberto Firpo – Biografia

Tag

,

e77f01b87e9b047a815c4ac7ad22113b

Pianista, direttore e compositore, Roberto Firpo fu uno dei primi leader evoluzionisti che il Tango abbia conosciuto, una indiscussa istituzione della Guardia Vieja e dell’intero genere musicale rioplatense. Durante il periodo di sviluppo dell’Orquesta Típica ebbe l’intuizione vincente di introdurre il pianoforte in pianta stabile come strumento conduttore dell’orchestra. Figlio di un umile bottegaio, Don Nicolás, e di Celestina Verdessi, nacque il 10 maggio 1884 a Las Flores, nella provincia bonairense. Continua a leggere

Ada Falcón si presenta

Tag

,

Bk7jdq3FEl_930x525

La vita di Ada Falcón fu, senza ombra di dubbio, paragonabile a quella di una star del cinema americano, con i suoi eccessi e stravaganze, il lusso sfrenato ed i capricci caratteristici di chi può aver tutto dalla vita e si lascia ubriacare dal successo. Eppure, la personalità di una delle cantanti più famose del tango argentino è così articolata, che non basterebbe una monografia a sviscerarla in dettaglio. Dai rapporti con la famiglia ed un padre che mai conobbe, alla relazione con Francisco Canaro, fino alla forte religiosità che la accompagnò durante la sua vita e ne segnò il destino. Continua a leggere

Ada Falcón – Lo stile

Tag

,

hqdefault

Le voci femminili irrompono nel tango quasi contemporaneamente, come un fulmine a ciel sereno, tra il 1923 ed il 1930. Durante questo periodo la voce del gentil sesso rappresentò un’interessante variante al predominio dei registri maschili. Ada Falcón appartenne alla prima grande generazione di donne che raggiunsero il successo nel tango, ciascuna con il proprio stile e timbro. Sue colleghe furono, ad esempio, Rosita Quiroga, Azucena Maizani, Tita Merello, Mercedes Simone e Tania. Continua a leggere