Roberto Goyeneche “El Polaco” – Biografia

Tag

,

roberto goyeneche

Roberto Goyeneche nacque a Buenos Aires il 29 gennaio 1926, nel barrio di Saavedra. A cinque anni rimase orfano di padre e per la sua magrezza ed i capelli rossi e lunghi, il cantante Angel Díaz lo soprannominò “El Polaco”, epiteto che gli resterà cucito addosso per il resto della vita. Da adolescente Goyeneche si arrangiò lavorando come meccanico, autista di bus e tassista, non disprezzando la frequentazione di bar e cabaret al seguito dei grandi tangueros degli anni Trenta, tifando per il Club Atlético Platense. Nel 1944 vinse appena diciottenne il suo primo riconoscimento canoro durante un concorso per voci nuove promosso dal Club Federal Argentino. Continua a leggere

Annunci

Horacio Salgán si presenta

Tag

,

horacio-salgan-precursor-del-tango

Ci sono nomi che incarnano da soli un intero movimento innovatore, una rivoluzione concettuale che lascia il segno nella storia. Quello di Horacio Salgán appartiene a questa categoria privilegiata di personaggi che hanno fatto grande con la loro personalità l’intero movimento musicale del tango. Creatore di uno stile unico, personale, ricco di idee innovatrici inconfondibili, Salgán introdusse un nuovo modo di interpretare la musica popolare rioplatense, tuttora dal sapore inimitabile, grazie al suo talento nel fondere differenti stili in modo organico e funzionale. Continua a leggere

Horacio Salgán – Lo stile

Tag

,

orquestasalgantan

Le forme interpretative del tango di Horacio Salgán lo collocano in quel contenitore di autori e compositori definiti come modernisti, manipolatori del tango tradizionale attraverso l’introduzione di nuove forme dinamiche di accentuazione ritmica e di accompagnamento, che hanno ampliato il mondo musicale tanguero con l’ingresso di contaminazioni da altri generi. Salgán fu un continuatore della scuola decareana e consacrò il suo stile ad un modello di marcazione tradizionalmente conosciuto come “Umpa Umpa”. Continua a leggere

Horacio Salgán – Discografia

Tag

,

02480002724773-1._tistandard_.300x300

Il successo discografico di Horacio Salgán iniziò nel maggio del 1950, con un 78 giri per la RCA Victor contenente i tanghi Recuerdo La clavada. Da quel momento, le diverse formazioni che il maestro diresse, compresi alcuni duetti famosi con il chitarrista Ubaldo De Lio ed il pianista Dante Amicarelli permisero a Salgán di collezionare un totale di 261 incisioni nell’arco di 40 anni circa, coprendo con continuità tutto il periodo dell’avanguardia del tango. Continua a leggere

Horacio Salgán – Biografia

Tag

,

arton50459

Horacio Adolfo Salgán nacque a Buenos Aires, nei pressi del mercato del Abasto, il 15 giugno del 1916. Fu un eccellente pianista, compositore e direttore d’orchestra, inziando a 6 anni lo studio del pianoforte e della teoria musicale. A 13 anni si mise in luce come miglior pianista del Conservatorio Municipal, eseguendo opere di Bach, Beethoven, Chopin e di altri importanti compositori di musica classica. L’anno successivo, nel 1930, proseguì gli studi con il maestro Luppo e, per esigenze economiche della famiglia, trovò un impiego come accompagnatore di film muti presso il cinema Universal di Villa del Parque. Continua a leggere

Alfredo Gobbi si presenta

Tag

,

Alfredo gobbi 2

Alfredo Gobbi fu da tantissimi suoi colleghi considerato un talento fuori dal comune, rappresentante emblematico del tango come genere musicale emblematico di una città. Angel Villoldo disse che l’appellativo de El violín romántico del Tango era riduttivo per un genio come Gobbi, sempre alla ricerca di nuove tracce armoniche che nascevano dentro incredibili laboratori musicali. Del resto, ad Alfredo nemmeno importava più di tanto quale etichetta venisse utilizzata per esaltarne le doti di musicista e direttore. Continua a leggere

Alfredo Gobbi – Lo stile

Tag

,

Alfredo Gobbi

Il frutto di una tradizione di famiglia, devota al tango, impresse in Alfredo Gobbi il gene del talento creativo, così che il Violín Romántico del Tango seppe infondere alle sue interpretazioni uno stile personalissimo, fatto di concezioni estetiche originali, di evidenti impulsi innovativi mescolati a reminiscenze del vecchio tango, raggiungendo il perfetto equilibrio tra i valori estetici della corrente evoluzionista. L’apporto di Gobbi al tango strumentale risultò nella cristallizzazione di uno stile che abbraccia il concetto decareano, con alcune sfumature disarliane, perfezionato da un linguaggio espressivo che, nel jazz, viene definito swing. Continua a leggere

Alfredo Gobbi – Discografia

Tag

,

R-6841158-1427744936-6044.jpeg

Le multeplici sfaccettature della personalità di Alfredo Gobbi, musicista, compositore, arrangiatore, direttore d’orchestra, gli valsero un meritorio quanto indiscutibile riconoscimento che lo colloca tra i grandi cultori musicali del tango. Rispetto a questa evidente importanza, la produzione discografica di Gobbi non segue coerentemente il percorso talentuoso del maestro. L’attività in sala di registrazione ricoprì un arco temporale dal 1947 al 1958, quasi esclusivamente per l’etichetta Víctor, salvo un breve epilogo con la Orfeo, per un totale di 82 incisioni più 6 temi radiofonici. Continua a leggere

Alfredo Gobbi – Biografia

Tag

,

alfredo-gobbi-solo

Alfredo Julio Flor Gobbi, El violín romántico del tango, nacque a Parigi il 14 maggio del 1912 da Flora Hortensia Rodríguez (cantante, attrice e ballerina cilena) ed Alfredo Eusebio Gobbi (violinista uruguayano di chiare origini italiane). I due formarono un famoso duetto artistico, Los Gobbi, viaggiando in Sud America ed Europa diffondendo il tango della Guardia Vieja con numerosi successi discografici (per questo furono conosciuti anche con il nome de Los Reyes del Gramófono). Con in figlio Alfredo si trasferirono a Buenos Aires, di ritorno dalla Francia, quando questi aveva appena sei mesi. Padrino di battesimo del piccolo di casa Gobbi fu addirittura Angel Villoldo, uno dei pilastri del tango delle origini. Continua a leggere

Lucio Demare si presenta

Tag

,

demare

Demare faceva scivolare le sue dita sulla tastiera del piano con la stessa sensibilità con la quale componeva tanghi dalla melodia ricca di sentimento. L’uomo e la sua espressione attraverso la musica furono una sola cosa, senza differenze; la sua bonomia traspariva nella sua musica. Romantico come nessuno nelle interpretazioni con il suo strumento. Così lo descrive Osvaldo Soriano, cogliendo l’essenza del pianista e dell’uomo. Continua a leggere