Lucio Demare – Lo stile

Tag

,

Demare_Lucio_Orq

L’opera artistica di Lucio Demare fu caratterizzata dall’innato talento del maestro per la composizione musicale ed il delicato temperamento dei suoi temi. Collocato tra i grandi compositori della linea romantica per la raffinata linea estetica, l’orchestra di Lucio Demare condivide un ruolo di primo piano nelle pagine romanzate del tango tra il 1915 ed il 1935, insieme a Juan Carlos Cobián, Enrique Delfino, i fratelli De Caro, Agustín Bardi e Carlos Vicente Geroni Flores. Continua a leggere

Annunci

Lucio Demare – Discografia

Tag

,

images

La storia discografica di Lucio Demare iniziò nel giugno del 1938, dopo che il pianista e direttore ebbe maturato diverse esperienze in orchestre di altri grandi del tango, come Francisco Canaro ed Elvino Vardaro. Fu inizialmente legato all’etichetta Odeón, per la quale incise 65 temi, debuttando con La racha (tango strumentale) e Telón (con la voce di Juan Carlos Miranda). Per sette anni, fino al 1945, rimase vincolato alla stessa casa discografica, prima di passare alla Columbia e, successivamente ad altre etichette. Complessivamente incise 103 brani nell’arco di 21 anni di sale di incisione. Continua a leggere

Lucio Demare – Biografia

Tag

,

lucio-demare

Lucio Demare nacque a Buenos Aires il 9 agosto 1906, nel quartiere del Abasto all’angolo tra Calle Gallo e San Luis. Figlio di un eccellente violinista alunno del maestro Galvani del Conservatorio di Santa Cecilia, Domingo Demare, venne iniziato alla musica fin da bambino con il fratello Lucas, sotto l’ala protrettrice del maestro Vicente Scaramuzza. Mentre Lucas proseguì la sua carriera artistica scegliendo il bandoneón, Lucio si consagrò al pianoforte facendo propria la tecnica dello stesso Scaramuzza. Già da bambino, ad 8 anni, fu considerato un professionista del piano, esibendosi nei cinema Bompland e Soleil dalle due del pomeriggio fino alla mezzanotte. Continua a leggere

Edgardo Donato si presenta

Tag

,

EDGARDO-DONATO-TANGO-COLLECTION-25-GRANDES-EXITOS-L7798145106406-750x290

Cosa si nasconde dietro quello sguardo così serio, concentrato, assorto mentre suona il suo strumento favorito o dirige la sua orchestra di Assi? A prima vista, Edgardo Donato appare come un rigoroso maestro da conservatorio, eppure chi lo conobbe racconta di un atteggiamento docile ed allegro, spesso scanzonato, che nulla aveva a che fare con il rigore formale nell’interpretare il tango nella sua accezione più tradizionale. Una personalità ed un temperamento tutto da scoprire attraverso qualche aneddoto che ci rivela un Donato molto diverso da come potrebbe apparire. Continua a leggere

Edgardo Donato – Lo stile

Tag

,

Orquesta Donato-Zerrillo

L’evoluzione stilistica di Edgardo Donato e delle orchestre che ha diretto riflette il cambiamento subito dal Tango durante il passaggio dalla Guardia vieja, attraverso la rivoluzione di Juan D’Arienzo, verso la Epoca de Oro. Al passar dei gusti e delle mode dagli anni ’20 agli anni ’50, alcuni elementi si plasmano sulle nuove generazioni, dando vita a nuove forme espressive della musica rioplatense, quindi a differenti approcci interpretativi. Edgardo Donato costruisce il proprio stile attraversando queste decadi di cambiamento, al punto che la proposta musicale della Donato-Zerrillo differisce in modo sostanziale da quelle successive degli anni ’30 e ’40. Continua a leggere

Edgardo Donato – Discografia

Tag

,

02480002734314-1._tistandard_.300x300

L’esperienza discografica di Edgardo Donato, come violinista e direttore d’orchestra può essere idealmente suddivisa in due fasi, corrispondenti con le principali formazioni che il maestro dirisse: l’Orquesta Típica Donato-Zerrillo, meglio nota come “Los 9 Ases del Tango” e l’Orquesta Típica Edgardo Donato. Gli esordi coincisero con la fine degli anni ’20, quando la casa discografica Brunswick propose un contratto che portò Donato ad incidere 186 temi fino al 1932, 52 dei quali con Roberto Zerrillo. Dal dicembre del 1932, Donato passò alla Víctor per realizzare 165 incisioni, fino al 1945, dopodiché venne contrattato dalla Pampa, con la quale concluse la propria carriera discografica incidendo 66 temi dal 1950 al 1961. Continua a leggere

Edgardo Donato – Biografia

Tag

,

edgardo donato

Edgardo Felipe Valerio Donato nacque a Buenos Aires, nel quartiere di San Cristóbal, il 14 aprile 1897, da genitori italiani (Egilda Cafagna ed Ernesto Donato) entrambi musicisti; il padre si dilettò nel violoncello, nel mandolino e nella direzione di un’orchestra da camera. Due degli otto fratelli di Edgardo percorsero il suo stesso cammino nel mondo della musica, Ascanio come violoncellista e compositore, Osvaldo come pianista. Da bambino, a 10 anni, Edgardo si trasferì con la famiglia a Montevideo dove cominciò gli studi presso il conservatorio Franz Liszt, dedicandosi al violino. Continua a leggere

Enrique Rodríguez si presenta

Tag

,

Enrique Rodriguez

Alcuni estratti di coloro che vissero da vicino Enrique Rodríguez e le sue performance con la Orquesta de todos los ritmos, tanto apprezzata in patria, come nel resto del Sud America. Aneddoti, analisi sullo stile del maestro e dei suoi musicisti, un piccolo excursus di virgolettati in lingua originale per mantenere inalterato il senso delle parole spese nel raccontare il mondo di Rodríguez e la sua musica. Continua a leggere

Enrique Rodríguez – Lo stile

Tag

,

rodriguez

Fedele prosecutore della linea stilistica di Juan D’Arienzo ed Edgardo Donato, votato ad un tango tradizionale, dinamico e ritmato, Enrique Rodríguez si contraddistinse per uno spiccato eclettismo nel proporre un ventaglio di proposte musicali molto ampio, al punto di far meritare alla propria orchestra il titolo di “Orquesta de todos los ritmos”. A tale scopo introdusse strumenti non convenzionali, proponendo brani con richiami all’allegria o al romanticismo. Le sue scelte vennero sempre accolte con piacere dai ballerini, non solo in terra patria ma anche nel resto de Sud America, mentre incontrò forti perplessità da parte della corrente avanguardista ed evoluzionista del tango.

Continua a leggere

Enrique Rodríguez – Discografia

Tag

,

R-6837089-1427655936-9459.jpeg

La carriera discografica di Enrique Rodríguez fu legata strettamente alla casa discografica Odeón, con la quale realizzò la quasi totalità delle sue incisioni, dal 1937 al 1971, anno del suo ritiro dalle scene. Eppure il debutto di Rodríguez avvenne con un disco prodotto dall’etichetta Chile, una settimana prima del passaggio alla Odeón, il 3 novembre 1937. I brani furono Anita Lizana Ilusion, rispettivamente un vals ed un foxtrot, a conferma di un’orchestra di “todos los ritmos”. Rodríguez realizzò 353 incisioni, molte delle quali con l’accompagnamento del cantante. Continua a leggere